FLC CGIL Agrigento

FLC CGIL AGRIGENTO

Federazione Lavoratori della Conoscenza

Home

Chi siamo

FLCGILAGRIGENTO.IT è il sito ufficiale della FLC provinciale di Agrigento.

La Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL è nata nel 2004 con la fusione tra la Cgil Scuola e il Sindacato Nazionale Università e Ricerca. Il Congresso costitutivo si è tenuto dal 15 al 18 febbraio 2006 a Trieste e Portorose (Slovenia). La FLC è, quindi, nata in Europa. San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) ha ospitato i lavori del 2° Congresso nazionale.

La FLC è il sindacato di tutti coloro che lavorano nei settori della scuola (pubblica, privata e scuole italiane all'estero), dell'educazione degli adulti, dell'università (pubblica e privata), della ricerca (pubblica e privata), della formazione professionale, dell'alta formazione artistica e musicale. In un parola, è il sindacato di chi lavora nei settori della conoscenza: dirigenti, docenti, amministrativi, collaboratori scolastici, tecnici, tecnologi, ricercatori, qualunque sia il loro rapporto di lavoro (pubblico o privato), a tempo indeterminato, determinato, di collaborazione, precario.

La FLC è nata per riunire in un contesto organico tutto il ciclo della conoscenza, rafforzare la rappresentanza dei lavoratori e le loro tutele, essere il punto di riferimento politico e professionale di un mondo che associa a tante diversità (competenze, profili) tanti punti in comune (i saperi sono uno strumento fondamentale per dare alle persone pari opportunità).

Seguici anche su Facebook.

Dove siamo

Sede di Agrigento
Via Matteo Cimarra 38
tel. 0922 605608
fax 0922 605608
email - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

JavaScript deve essere attivo per utilizzare Google Maps.
Sembra infatti che JavaScript sia disabilitato o non supportato dal tuo browser.
Per visualizzare le Google Maps, attiva JavaScript modificando le opzioni del tuo browser e poi riprova.

Organigramma

Organigramma

Sedi, referenti e orari

Sede di Agrigento

Via M. Cimarra, 38

Lunedì, mercoledì e venerdì - ore 16.30

 

Sede di Canicattì

C.so Umberto I, 4

Martedì - ore 16.30

 

Sede di Ribera

Via Gerone, 6

Mercoledì -  ore 16.30

 

Sede di Sciacca

Via Cappuccini

Giovedì -  ore 16.30

 

Sede di Licata

Corso Umberto, 165

Venerdì - ore 16.30

 

Sede di Menfi

Via Carlo Goldoni, 1

Martedì - ore 17.00

 

Sede di Raffadali

Cortile Diana, 10

Giovedì - ore 16.30

MAIL MIUR DOCENTI INSERITI NELLE GAE

16/05/2014
Graduatorie ad esaurimento: a tutti gli utenti che abbiano ricevuto una mail da Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. che li invita a riprodurre il pdf in quanto mancante delle note: si precisa che la domanda resta valida anche in assenza di questa operazione. L’invito della mail è rivolto solo a coloro che desiderassero visualizzare anche le note nel pdf.

RICORSO DIPLOMATI MAGISTRALE

Vi comunichiamo che il Miur ha pubblicato in data 22.06.2016 il DM n. 495 relativo
all’integrazione annuale delle graduatorie ad esaurimento.
Il citato decreto (come l’analogo provvedimento dello scorso anno) non prevede l’inclusione in Gae
dei diplomati magistrali con titolo conseguito entro l’a.s. 2001-2002. Si ritiene che tale
provvedimento possa essere oggetto di impugnativa -come il precedente- avanti al TAR
del Lazio al fine di richiedere l’inserimento in Gae dei diplomati magistrali
il cui titolo viene considerato abilitante a tutti gli effetti così come affermato dal Consiglio di Stato. 
A quest'azione legale possono aderire i diplomati magistrali che:
  1. non hanno mai proposto alcun tipo di ricorso;
  2. hanno proposto ricorso dinanzi al giudice del lavoro ed hanno ottenuto
  3.  una sentenza negativa oppure una sentenza positiva non ancora passata in giudicato; 
  4. hanno proposto ricorso straordinario al Capo dello Stato; 
  5. hanno proposto azione di nullità dinanzi al Tar Lazio. 

    Leggi tutto...

FELICE ANNO NUOVO

Risultati immagini per ALBERO DI NATALE IMMAGINI

EMERGENZA CORONAVIRUS

 

 

A V V I S O

 

A TUTTI I LAVORATORI DEL MONDO DELLA CONOSCENZA

Scuola – Università – Enti di Ricerca – AFAM – Form. Prof.

 Cara/o collega,

come è noto il nostro paese sta attraversando un momento estremamente difficile! Un evento che ha travolto tutta la società civile rispetto al quale nessuno era pronto. L’emergenza persiste e non è da escludere una eventuale proroga della chiusura delle scuole nelle zone rosse, che proprio nelle ultime ore sono aumentate, e della sospensione delle attività didattiche.

 Nonostante tutto, la vita di tutti quanti noi deve andare avanti e la società deve continuare a garantire, a tutti i cittadini, i servizi essenziali. Diventa pertanto necessario un profondo senso di responsabilità da parte di tutti quanti e la CGIL, per l’importante funzione sociale che svolge, non può che continuare a dare il proprio contributo, mantenendo quel ruolo di punto di riferimento per tutti i cittadini che ha sempre avuto.

 In questo momento è fondamentale darsi delle regole e rispettare le norme contenute negli ultimi Decreti emanati dal Governo, finalizzate ad osservare tutte le indicazioni dettate dall’Istituto Superiore di Sanità e dal Ministero della Salute. Tutto ciò allo scopo di tutelare la salute di tutti i lavoratori e dei consulenti/volontari della FLC CGIL Siciliana che continueranno, comunque, ad essere presenti anche in questa fase particolarmente delicata.

 Di seguito troverai i recapiti di tutte le strutture provinciali e il nominativo dei rispettivi segretari generali. L’invito che ti rivolgiamo è quello di evitare spostamenti per raggiungere direttamente le nostre sedi e di contattare, preventivamente, le strutture provinciali che risponderanno a tutte le tue richieste tramite cellulare o mail, ovvero fisseranno un appuntamento in presenza qualora fosse necessario.

 

FLC CGIL

Segretario Generale

Cellulare

Mail

Agrigento

Gaetano Bonvissuto

3387721018

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Caltanissetta

Alberto Musca

3349532122

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Catania

Agatino Renda

3209588238 WhatsApp - 095321880

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Enna

Giuseppe Miccichè

3385457488 - 0935519107

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Messina

Pietro Patti

3272338327

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Palermo

Fabio Cirino

3454383821

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ragusa

Graziella Perticone

3382756884

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Siracusa

Paolo Italia

3291833430

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Trapani

Ignazio Messana

3456840775

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

                                                                      

La CGIL, anche in questo momento che tutti quanti noi speriamo possa terminare nel più breve tempo possibile, sarà al fianco dei lavoratori auspicando un ritorno a quella normalità di cui abbiamo tanto bisogno.

Adriano Rizza

Segretario Generale FLC CGIL Sicilia

RINGRAZIAMENTI SUA ECCELENZA IL PREFETTO

                           

Agli organi  di stampa

POSITIVO INCONTRO TRA LE OO.SS. E SUA ECCELENZA IL PREFETTO

Dopo la proclamazione dello stato di agitazione proclamato da parte delle  OO.SS. FLC-CGIL, CISL Scuola e UIL Scuola Sua Eccellenza il Prefetto  Dott.ssa Maria Rita Cocciufa ci ha gentilmente ricevuto in data odierna.

Dal colloquio intercorso è emerso il grande interesse del Prefetto nei confronti del mondo della scuola e della sua conoscenza approfondita delle Istituzioni Scolastiche della provincia agrigentina.

Le OO.SS. hanno rappresentato, a sua Eccellenza, le criticità che sono emerse dal confronto con il dirigente  dell’Ambito territoriale in materia di organico docenti.

La Stessa ha dato oltre alla sua  disponibilità e fattiva collaborazione le garanzie ad affrontare la spinosa questione con il dirigente dell’A.T. di Agrigento per cercare di ridurre i tagli negli organici del personale docente prospettati. Sua Eccellenza  ha fatto presente che già con il precedente documento ricevuto delle OO.SS. si  era attivata interloquendo con il funzionario dell’A.T.  da cui ha avuto la piena disponibilità a rivedere gli organici.

Le OO.SS. ringraziano sua Eccellenza il Prefetto per la Sua disponibilità e sensibilità al mondo della scuola.

 

Agrigento, 14/05/2021

Per la FLC-CGIL                                   Per la CISL Scuola                                               Per la UIL Scuola      

G. Bonvissuto                                    S. Montalbano                                                          C. Burgio             

 

 

TEGLI ORGANICI DOCENTI- PROTESTA

                             

A Sua Eccellenza Sig. Prefetto

Di Agrigento

All’Assessore Regionale alla  P.I.

Palermo

Al Ministero della Pubblica Istruzione

Roma

All’U.S.R. – Sicilia

All’U-S-P- di Agrigento

Agli organi di Stampa

Le OO.SS. provinciali della scuola FLC-CGIL, CISL Scuola  e UIL Scuola con i rispettivi segretari Confederali di CGIL, CISL e UIL preso atto nell’informativa del Dirigente incaricato dall’U.S.R. Sicilia del 28 aprile c.a., che anche per il prossimo anno scolastico si prevedono sostanziosi tagli, per adesso dei docenti perché del personale ATA ancora non se nè discusso, in organico di diritto. Tutto ciò in netto contrasto con la circolare Ministeriale che anche per il prossimo anno scolastico prevede la riconferma degli organici incremento in riferimento a  posti di sostegno e di qualche piccolissimo aumento dei posti di potenziamento nella scuola dell’infanzia.

Ciò porterà a una contrazione del numero dei docenti e a un accorpamento delle classi da parte dei singoli istituti con conseguenti problematiche relative al sovraffollamento delle aule, in contrasto con le norme di contenimento dell’epidemia come recita la circolare Ministeriale:

“ nell’anno scolastico 2021/22, il riparto regionale e il numero complessivo dei posti comuni dell’organico di diritto rimane immutato rispetto al precedente anno scolastico, in considerazione della situazione di emergenza epidemiologica da COVID-19, così come già concordato con il Ministero dell’economia e delle finanze, con le note n. 21880 del 10 novembre 2020 del Ministero dell’istruzione e n.18502 del 15 novembre 2020 del Ministero dell’economia e delle finanze”.

E ancora:

 Il fabbisogno espresso dalle istituzioni scolastiche, tenuto conto di quanto già individuato nel corso dell’anno scolastico 2020/21 da parte degli Uffici scolastici regionali, potrà essere ridefinito nel limite dei posti vacanti e disponibili di ciascuna istituzione scolastica. Si raccomanda, in proposito, una attenta valutazione, da parte degli uffici competenti, delle esigenze delle istituzioni scolastiche, col preminente indirizzo di favorire, per quanto possibile e nei limiti noti della normativa vigente, l’attuazione delle scelte didattico-pedagogiche delle istituzioni scolastiche, con particolare riferimento alla “qualificazione” dei posti cosiddetti “di potenziamento”, i quali comunque entrano a far parte indistintamente dell’organico dell’autonomia.

Dalla lettura dei sopra riportati passi della circolare e dell’intero testo ministeriale risulta evidente che l’orientamento del Ministero, considerata la situazione di emergenza e i rischi connessi alla diffusione del COVID-19, è di mantenere gli organici del 2020/21 e non tagliarli, fermo restando il limite della dotazione organica regionale.

La nostra didattica e il nostro territorio non possono sostenere quanto ventilato dall’U.S.P., una siffatta disposizione risulta controproducente e contestabile nella situazione emergenziale che riguarda anche l’avvio del prossimo anno scolastico per il quale sarebbe  opportuno l’aumento degli organici e del numero delle classi piuttosto che la loro contrazione. Dal taglio delle cattedre ne risulterebbe un danno per tutte le categorie:  a) studenti, costretti in classi affollate e spesso anguste, ai quali viene sottratto il diritto alla vera istruzione basato su un rapporto proporzionale e congruo tra docenti e studenti e la continuità  didattica; b) personale di ruolo chiamato a gestire classi numerose ( per quelli che resteranno nelle stesse istituzioni scolastiche) in quanto  in tanti saranno costretti a fare domanda di mobilità perché perdenti posto e chissà dove andranno a finire con le cattedre orario esterne magari tra Bivona e Sciacca o tra Cammarata e Licata. Altro che serenità e tranquillità a svolgere professionalmente il proprio ruolo istituzionale.

Ciò comporterà anche l’impossibilità, per coloro che hanno fatto domanda di mobilità interprovinciale, di potersi avvicinare all’ormai agognato nucleo familiare. Ma ancora più drammatica sarà la situazione dei precari e/o dei vincitori di concorso che non solo non avranno la sospirata immissione in ruolo ma rischiano di restare disoccupati aumentando, se mai ce ne fosse bisogno nella nostra provincia, anche il bacino di chi è in cerca il lavoro, lavoro che non c’è e che costringe i nostri giovani, il futuro di questa provincia, a emigrare.

Leggi tutto...

Sei qui: Home Generale