FLC CGIL Agrigento

FLC CGIL AGRIGENTO

Federazione Lavoratori della Conoscenza

Home

Subito e senza più indugi il rinnovo dei contratti dopo la sentenza del Tribunale di Roma

dal sito nazionale della FLCGIL

Come immediatamente annunciato da Domenico Pantaleo, segretario generale della FLC CGIL, la sentenza del 16 settembre del Tribunale di Roma ha condannato la Presidenza del Consiglio e l’Aran ad avviare immediatamente le procedure per rinnovare i contratti.

Il Giudice del Lavoro, riferendosi in particolar modo alla recentesentenza della Corte Costituzionale 178/15 (con cui è stata sancita l’illegittimità del blocco della contrattazione), ha evidenziato come la sospensione della contrattazione comporti un “sacrifico del diritto fondamentale tutelato dall’art. 39 Cost. non più tollerabile”.

Lo stesso giudice del lavoro ha altresì evidenziato come per effetto dei principi affermati dalla Corte Costituzionale nella sentenza citata,  l'Amministrazione avrebbe dovuto rimuovere immediatamente gli ostacoli all'avvio della contrattazione, anche per i comparti della Conoscenza, cosa che invece - a distanza già di diversi mesi dalla sentenza - non risulta sia stata ancora fatta.

Proprio per quest'ultimo motivo, stante l'inerzia dell'Amministrazione nonostante la sentenza costituzionale, secondo il giudice è fondata  la richiesta di tutela giurisdizionale avanzata dalla FLC CGIL a nome dei lavoratori che rappresenta.

La condanna del Tribunale di Roma è quindi esemplare. Il Giudice del lavoro, infatti, ordina alla Presidenza del Consiglio ed all'ARAN, di dare avvio "senza ritardo" al procedimento di contrattazione collettiva per i comparti della scuola, dell'università, della ricerca, dell'Afam e delle relative aeree dirigenziali e condanna le stesse parti convenute alle spese legali nella misura di € 3500,00 oltre iva e cpa e rimborso spese generali.

Una circolare ministeriale sul “merito” che farà storia

Questa nota ministeriale,  che ben  recupera - nella denominazione del file di trasmissione - il glorioso nome di circolare,  è quella di cui veramente si avvertiva la mancanza. Ed eccola qua, tempestiva e opportuna a fine anno scolastico, ad offrire alle scuole importanti contributi chiarificatori su punti noti.

Leggi tutto...

Mobilità scuola 2016/2017: scadenze, termini per le operazioni e pubblicazione movimenti

Calendario presentazione domande di mobilità

Le domande per il personale docente, attraverso le istanze online, si presentano distintamente per le varie fasi:

  • Fase A (provinciale docenti assunti entro il 2014/15 e nelle fasi 0) e a) del 2015/2016) da lunedì 11 aprile a sabato 23 aprile 2016
  • Fasi B, C, e D (provinciale per gli assunti da concorso nelle fasi b e c nel 2015/2016 e interprovinciale per tutti) dal 9 maggio al 30 maggio 2016.

Le domande del personale educativo possono essere presentate (in formato cartaceo) da lunedì 11 aprile a lunedì 25 aprile 2016.

Le domande del personale ATA possono essere presentate, attraverso le istanze online, dal 26 aprile al 16 maggio 2016.

Le domande degli insegnanti di religione possono essere presentate (in formato cartaceo) dal 26 aprile al 16 maggio 2016.

Per tale occasione la FLCGIL comunica i nuovi orari di sportello/consulenza:

Sede Agrigento: lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 17.00 - Martedì e giovedì mattino dalle ore 09.30

Sede di Sciacca: giovedì mattino dalle ore 10.00 e pomeriggio dalle ore 16.00

Sede di Menfi: martedì ore 16.00

Sede di Ribera: mercoledì dalle ore 16.00

Sede di Licata: giovedì mattino ore 09.30 - venerdì pomeriggio ore 16.00 - sabato ore 16.00

Sede di Canicattì: martedì ore 16.00

Sede di Cammarata: mercoledì ore 10.00

Al via il Referendum sulla Buona Scuola

Domenica 13 marzo dalle ore 10, presso il cinema Palazzo a Roma (quartiere San Lorenzo) avrà luogo l’assemblea dei Comitati promotori di alcuni importanti Referendum sociali. Questi ultimi prevedono il deposito dei quesiti il prossimo 17 marzo, mentre il 9 e il 10 aprile, in centinaia di piazze italiane avrà luogo l’inizio della raccolta delle firme. I Comitati promotori rappresentano decine di organizzazioni tra movimenti, associazioni e sindacati, tra i quali aderisce anche la FLC CGIL.

I Referendum sulla scuola sono relativi all’abrogazione di alcune norme contenute nella legge 107 del 2015. Naturalmente, la FLC CGIL sosterrà tutti i quesiti referendari e darà il proprio concreto sostegno alla raccolta delle firme.

Sulla questione più specifica legata all’abrogazione di alcune norme della legge 107 del 2015 sulla scuola ribadisce il sostegno ai quattro quesiti referendari perché vengano cancellate alcune parti fondamentali: gli ampi poteri concessi ai dirigenti scolastici, il cosiddetto bonus scuolaper le private (in palese contraddizione con quanto recita la Costituzione), l’istituzione deiComitati di valutazione e l’obbligatorietà delle ore di alternanza scuola-lavoro. Sono i punti sostanziali e centrali di una riforma della scuola appiattita su un’ideologia del comando e della subalternità della scuola alle logiche economiche, mentre sacrifica ruolo, funzione e missione della scuola pubblica.

La FLC CGIL ha contrastato fin dalla sua elaborazione le linee “culturali” della legge 107, insieme agli altri sindacati confederali e della scuola, fino allo sciopero straordinario del 5 maggio 2015. Dal governo, tuttavia, si è deciso di proseguire ad oltranza, senza alcun confronto con i soggetti sociali e le organizzazioni sindacali. Il Referendum sulla legge 107 del 2015 s’impone dunque, non solo come utile strumento per abrogare norme sbagliate, ma anche per riaprire un dibattito pubblico sul futuro della scuola pubblica restituendo la parola a chi nelle scuole vive, ai cittadini, territori, alle famiglie e alle tante associazioni interessate a istruzione e educazione nel nostro Paese. Il nostro obiettivo resta quello di garantire a tutti il diritto al saperericonsegnando ai tanti soggetti che vi operano, una scuola pubblica democratica, aperta e laica, in coerenza con i valori repubblicani e costituzionali.

PUBBLICATA L'ORDINANZA PER L'AGGIORNAMENTO E/O INSERIMENTO GRADUATORIA ATA

Pubblicata dall'USR Sicilia l'ordinanza di aggiornamento e/o nuova inclusione della graduatoria provinciale 24 mesi ATA

La scadenza della presentazione delle domande è fissata per il 29 aprile 2016

Per consulenza e informazioni rivolgersi ai nostri uffici della FLCGIL

PROCESSO LEGGE 104: FLC - CGIL AGRIGENTO AMMESSA COME PARTE CIVILE

         

la FLC -CGIL AGRIGENTO AMMESSA

 “PARTE CIVILE” NEL PROCESSO 104

 

Gaetano Bonvissuto, Segretario Generale della FLC CGIL Agrigento ha avuto la notizia  dal Legale che il Sindacato ha incarico (l’ Avv.ssa Maria Carmela Infurna)  :  la FLC CGIL , unica rappresentante tra le Organizzazioni Sindacali è stata ammessa  come “parte civile” nel processo a carico degli imputati della maxi inchiesta "la carica delle 104" che ha fatto luce su un vasto giro di false invalidità civili ottenute, corrompendo, secondo l’accusa, i medici e con la complicità di funzionari pubblici.

 

“Esprimiamo grande soddisfazione per questa decisione – dichiarano Gaetano Bonvissuto e Massimo Raso -  i Lavoratori onesti e con essi il Sindacato che li tutela e rappresenta,  sono “parte lesa” da parte di chi ha fatto strame di diritti ed ha abusato di una conquista che serve a tutelare reali condizioni di disagio, per questo è stato importante  vederselo riconoscere dal Giudice”    

Il Segretario Generale Provinciale Flc - Cgil

Gaetano Bonvissuto

Concorso docenti: le domande per le commissioni fino al 19 marzo 2016

Dal sito della FLC - CGIL nazionale

Con la nota 5732 del 23 febbraio 2016 il Miur ha comunicato che le domande per partecipare alle commissioni giudicatrici del concorso ordinario potranno essere presentate dal 3 marzo fino alle ore 14 del 19 marzo 2016.

Le domande potranno essere presentate attraverso le istanze online sul sito del Ministero (per i Docenti universitari è disponibile una specifica applicazione del CINECA).

Per poter accedere alla procedura è necessario registrarsi. È disponibile sul nostro sito una guida che illustra le procedure da seguire.

Leggi tutto...

104 - DEPOSITATA L'ISTANZA DI COSTITUZIONE PARTE CIVILE

 

FLC  CGIL AGRIGENTO PROPONE LA SUA COSTITUZIONE

COME “PARTE CIVILE” NEL PROCESSO SULLE 104

 

“L’avevamo annunciato insieme alla CGIL – rivendica Gaetano Bonvissuto, Segretario Generale della FLC CGIL Agrigento -, già l’indomani dell’avvio della “operazione” ed oggi abbiamo dato ai nostri Legali l’Avvocatessa Maria Carmela Infurna  di proporre la costituzione come “parte civile” nel processo a carico degli imputati della maxi inchiesta "la carica delle 104" che ha fatto luce su un vasto giro di false invalidità civili ottenute, corrompendo, secondo l’accusa, i medici e con la complicità di funzionari pubblici.

 Lo abbiamo fatto in piena coerenza con la nostra storia ed i nostri valori: i Lavoratori onesti e con essi il Sindacato che li tutela e rappresenta,  sono “parte lesa” da parte di chi ha fatto strame di diritti ed ha abusato di una conquista di civiltà che serve a tutelare reali condizioni di grave disagio.

         Ci auguriamo e confidiamo nella magistratura che a carico di chi, eventualmente, si è reso colpevole di tutto ciò ci siano pene esemplari, per parte nostra continueremo  a batterci affinché i diritti siano riconosciuti a chi ha legittimo titolo a rivendicarne l’esigibilità e per una Scuola dove non vi sia spazio per i furbi”

Mobilità scuola 2016/2017: le nuove fasi per il personale docente

In conseguenza dei punti acquisiti con il contratto, rispetto alla legge 107/15, analizziamo ora quali saranno le nuove fasi con cui si attua la mobilità, sia territoriale che professionale, per ilpersonale docente: si tratta di un ordine di operazioni molto complesso a fronte delle tre fasi, comunale, provinciale e interprovinciale previste nei CCNI precedenti.

Fase - A (si articolerà in tre sottofasi)

  1. Trasferimenti in ambito comunale su scuola dei docenti assunti entro il 2014/15.
  2. Trasferimenti su scuola tra comuni diversi nell’ambito della provincia di titolarità. Partecipano anche i docenti ex DOP, i docenti neo assunti in fase Zero e A e i DOS del II° grado che non intendono confermare la scuola attuale.
  3. Passaggi di cattedra e di ruolo su scuola nell’ambito della provincia di attuale titolarità.

Fase - B (si articolerà in tre sottofasi)

  1. Trasferimenti interprovinciali dei docenti assunti entro il 2014/2015. Si indicano gli ambiti territoriali in ordine di preferenza. Se soddisfatti nel primo ambito si otterrà la titolarità su una scuola di quell’ambito, secondo l’ordine delle preferenze espresse nella domanda tra tutte le scuole che ne fanno parte.
  2. Passaggi di cattedra e di ruolo interprovinciali. Nel limite massimo iniziale del 25% dei posti disponibili. Tali passaggi avverranno con le stesse regole dei trasferimenti.
  3. Trasferimenti provinciali su ambito dei docenti assunti nel 2015/2016 in fase B e C da concorso. Titolarità su uno degli ambiti della provincia dove si è stati assunti.

Fase - C

Trasferimenti docenti assunti nel 2015/2016 in fase B e C da GAE, su tutti i posti disponibili degli ambiti nazionali. I docenti dovranno indicare, in ordine di preferenza, tutti gli ambiti al fine di acquisire la titolarità in uno di essi.

Fase - D

Trasferimenti docenti assunti nel 2015/2016 in fase Zero e A, e fase B e C da concorso, su tutti i posti rimasti disponibili degli ambiti nazionali. I docenti che intendono partecipare alla mobilità in più fasi (provinciale prima ed interprovinciale dopo), devono presentare distinte domande.

Sistema delle precedenze

In ciascuna delle fasi sopra illustrate viene confermato l’ordine delle precedenze previste dalla legge (ad es. legge 104/92, oppure amministratori locali, ecc…).

Situazioni specifiche e particolari

Per le sezioni attivate presso le sedi ospedaliere e carcerarie, per i posti speciali di infanzia e primaria, per le sedi di organico dei CPIA sarà possibile esprimere la propria disponibilità contestualmente alle preferenze.

Tabelle dei punteggi

È stata apportata una modifica nella valutazione dei titoli culturali: nei trasferimenti va assegnato 1 punto (oppure 0,5) ai docenti che hanno acquisito il titolo CLIL a seconda se di livello C1 o inferiore. Nella mobilità professionale si è stabilito di innalzare il punteggio da 5 a 6 sia per il dottorato di ricerca, sia per la laurea specialistica (o quadriennale se di vecchio ordinamento) nel caso in cui la stessa sia aggiuntiva al titolo di accesso.

L’ordine delle operazioni è molto complesso e il numero delle fasi passa da tre a otto.

Mobilità scuola 2016/2017: la trattativa con il MIUR riparte l’8 gennaio

Dal Ministero dell’Istruzione una nuova bozza di contratto per regolare la mobilità, con qualche apertura per superare i passaggi irrazionali della legge 107/15. L’impegno dei sindacati scuola uniti su equità e trasparenza nell’attribuzione della sede scolastica ai docenti.

Facendo seguito agli impegni assunti dal Capo di Gabinetto del Ministro nell’incontro del 23 dicembre scorso nella serata del 28 dicembre c’è stato un ulteriore approfondimento presso il Gabinetto del Ministro alla presenza anche del capo Dipartimento e del Direttore generale del personale, sempre sui punti politici preliminari posti unitariamente dai sindacati sullamobilità.

La posizione del MIUR

Nella sua introduzione il vice capo di Gabinetto dott. Rocco Pinneri ha esposto preliminarmente ai sindacati quelli che sono i"paletti vincolanti" per il MIUR sulla mobilità a seguito dell’entrata in vigore della legge 107/15 e quali gli spazi di agibilità nella trattativa per il rinnovo del contratto al fine di acquisire regole quanto più condivise.

Leggi tutto...

Sei qui: Home Generale