FLC CGIL Agrigento

FLC CGIL AGRIGENTO

Federazione Lavoratori della Conoscenza

Home

Bandi di Concorso per l’inclusione o l’aggionamento delle graduatorie provinciali permanenti relativi al personale ATA

Pubblicato il bando relativo all'aggiornamento e all'inserimento nelle graduatore di 24 mesi del personale ATA

La scadenza, per la regione Sicilia, è fissata al 06 maggio 2015

In allegato la nota dell'USR Sicilia e i relatvi modelli

Allegati:
Scarica questo file (Allegato_B1.pdf)Allegato_B1.pdf[ ]156 Kb
Scarica questo file (Allegato_B2.pdf)Allegato_B2.pdf[ ]139 Kb
Scarica questo file (Allegato_F.pdf)Allegato_F.pdf[ ]55 Kb
Scarica questo file (Allegato_H.pdf)Allegato_H.pdf[ ]105 Kb
Scarica questo file (Nota_USR-Pubblicazione_Bandi.pdf)Nota_USR-Pubblicazione_Bandi.pdf[ ]104 Kb

Elezioni CSPI: si vota il 28 aprile. Le nostre liste e candidature

L’importanza del voto

Adesso è importante che la scuola – i docenti, le professioni Ata, i dirigenti – dimostri alle burocrazie ministeriali che democrazia, rappresentanza, diritto di parola sono i pilastri del vivere civile. La scuola ha già detto di non voler subire imposizioni dall’alto con la partecipazione massiccia al voto per le Rsu. Il 28 aprile questa partecipazione va replicata. Nonostante la rappresentanza del Cspi sia ridotta rispetto a quella del Cnpi. Saranno comunque eletti a suffragio universale 18 rappresentanti, così suddivisi:

  • 1 per la scuola dell’infanzia (candidabili 2)
  • 4 per la primaria (candidabili 6)
  • 4 per la secondaria di primo grado (candidabili 6)
  • 3 per la scuola secondaria di secondo grado (candidabili 4)
  • 2 per i dirigenti scolastici (candidabili 3)
  • 1 per il personale ATA (candidabili 2)
  • 3 per le scuole di lingua tedesca, slovena, e francese (candidabili 2 per minoranza linguistica indipendentemente dal settore professionale).
  • altri 18 saranno di nomina ministeriale.

Hanno diritto il voto: tutto il personale della scuola statale, il personale educativo e Ata di convitti ed educandati, gli assistenti educativi delle scuole statali speciali a tempo indeterminato e determinato (con incarico annuale e fino al temine delle lezioni).

Le liste della FLC CGIL

Le nostre liste sono contrassegnate dal motto: “CGIL–Valore Scuola”. La stessa denominazione usata nelle ultime elezioni per il Cnpi. Richiama il valore che diamo alla scuola e l’identità del nostro sindacato.

LISTE DEI CANDIDATI “CGIL–VALORE SCUOLA”

Docenti scuola dell’infanzia
Lista N. I
  Docenti scuola primaria
Lista N. I
1. Assaiante Serena (Rovigo)
2. Sabatini Alessandra (Firenze)
  1. Fedeli Anna (Roma)
2. Carloni Manuela (Ancona)
3. Morando Serena (Alessandria)
4. Olivieri Loredana (Foggia)
5. Procopio Teresa (Vibo Valentia)
6. Spina Caterina (Milano)
     
Docenti scuola sec. I grado
Lista N. I
  Docenti scuola sec. II grado
Lista N. I
1. Miglietta Raffaele (Frosinone)
2. De Conca Massimiliano (Mantova)
3. De Gennaro Adele (Roma)
4. Fabbri Gino (Bologna)
5. Missori Silvia (Cagliari)
6. Pisano Paola (Firenze)
  1. Campanari Americo (Terni)
2. Bagni Giuseppe (Firenze)
3. Crescenza Giorgio (Roma)
4. Pistorino Graziamaria (Messina)
     
Dirigenti scolastici
Lista N. II
  Personale ATA
Lista N. I
1. Carlini Giovanni (Frosinone)
2. Ciuffreda Raffaele (Milano)
3. Esposito Fiorella (Napoli)
  1. Santoro Annamaria (Firenze)
2. Morsia Raffaella (Piacenza

Mobilità scuola 2015/2016: docenti, la scadenza prorogata al 22 marzo ore 24,00

Dal sito della FLC -CGIL nazionale

Il M.I.U.R. con la nota 8201 del 13 marzo 2015 ha comunicato che la scadenza per la presentazione delle domande di mobilità del personale docente è prorogata alle ore 24,00 del 22 marzo 2015.

Dopo le pressioni sindacali, anche a seguito dei malfunzionamenti del sistema, è stata concessa la proroga necessaria per garantire a tutti la possibilità di presentare la domanda.

Relativamente alla mobilità del personale ATA, la nota ministeriale indica i nuovi termini per la presentazione delle domande che sono così modificati:

  • inizio acquisizione delle domande, 23 marzo 2015
  • termine acquisizione domande, 20 aprile 2015.

Le nuove scadenze determinano anche una modifica dei termini delle operazioni indicati all’art. 2 dell’OM 4/15 che sono così modificati.

 

Guida alla compilazione delle domande

Leggi tutto...

PERMESSI RETRIBUITI AI SENSI DELLìART. 15 CCNL E DELLA SPENDING REVIEW 2012

In alcune scuole, in base alle segnalazioni pervenute alla FLC, si starebbe sostenendo la tesi che quanto disposto prima dalla “Spending review“ (art. 5 comma 8) convertita in legge n. 135 il 7 agosto 2012 (che ha introdotto il divieto di monetizzazione delle ferie non godute) e, poi, dalla legge di stabilità n. 228 del 24 dicembre 2012 (art. 1 commi 54, 55 e 56) avrebbe modificato non solo le norme sulla “monetizzazione delle ferie” del personale supplente (tema sul quale la FLC CGIL ha avviato vertenze legali), ma anche la norma sui “permessi retribuiti” (art. 15 c. 2 del Ccnl/07) per il personale con rapporto a tempo indeterminato. Secondo tale tesi, la modifica non riguarderebbe, ovviamente, la fruizione dei 3 gg. di permesso retribuito in ciascun anno scolastico per “motivi personali o familiari”, ma solo la parte relativa ai 6 gg di ferie fruibili come permessi retribuiti (in aggiunta ai 3 di cui sopra).

In allegato un serio e puntuale ragionamento di Amerigo Campanari

Mobilità scuola 2015/2016: pubblicata l’ordinanza che avvia le procedure

A seguito della sottoscrizione definitiva del CCNI mobilità 2015/2016 del personale della scuola, il Ministro Stefania Giannini ha firmato l’Ordinanza Ministeriale n. 4 del 24 febbraio 2015 che dà avvio alle procedure. I sindacati hanno già chiesto unitariamente una proroga delle scadenze per la presentazione delle domande. 

Termini di presentazione delle domande

  • dal 26 febbraio al 16 marzo 2015 per il personale docente ed educativo
  • dal 18 marzo al 15 aprile 2015 per il personale A.T.A.

Ricordiamo che le domande, sia per i docenti che per gli ATA, dovranno essere presentate attraverso le istanze online del Ministero.

I termini per le successive operazioni e per la pubblicazione dei movimenti, definiti secondo i criteri previsti dall’art. 14 del C.C.N.I. per l'a.s. 2015/2016, sono i seguenti:

Leggi tutto...

15 gennaio: scadenza per la presentazione delle domande di pensione

Chi può presentare la domanda | Chi viene collocato in pensione d’ufficio

In data odierna, è stato pubblicato il decreto del Ministro dell’Istruzione con il quale si stabilisce la data di scadenza di presentazione delle domande di dimissioni dal servizio al 15.01.2015 per aver raggiunto il limite massimo di servizio, per richiedere il trattenimento in servizio per arrivare al minimo di contribuzione (20 anni) e per trasformare il rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale con contestuale trattamento pensionistico.
Entro la medesima data, potranno essere ritirate le dimissioni.

CHI PUO’ PRESENTARE LA DOMANDA
1) Tutte le donne che hanno una età contributiva di anni 41 e mesi 2 entro il 31.08.2015 e tutti gli uomini che, alla medesima data, posseggono anni 42 e mesi 2 di contribuzione. I requisiti si devono possedere senza arrotondamenti;
2) Tutti coloro, uomini e donne, che compiranno 66 anni e 3 mesi entro il 31.12.2015 e possono far valere minimo 20 anni di contribuzione;
3) Tutte le donne che, al 31.12.2014, hanno età anagrafica di anni 57 e 3 mesi e contribuzione minima di anni 35 le quali optano per il calcolo contributivo, ai sensi dell’art. 1 comma 9 della Legge 243/2004 (Legge Maroni).

CHI VIENE COLLOCATO IN PENSIONE D’UFFICIO
1) Le donne che compiranno 65 anni entro il 31.08.2015 e, al 31.12.2011, possedevano minimo 20 anni di contribuzione;
2) Tutti gli uomini e donne che compiranno 65 anni di età anagrafica al 31.08.2015 e, al 31.12.2011, possedevano quota “96” (mix tra età anagrafica e contributiva partendo da età minima 60 anni e contributiva 35);
3) Tutti coloro che compiranno 66 anni e 3 mesi entro il 31,08,2015 e posseggono minimo 20 anni di contribuzione;
4) Tutti coloro che compiranno anni 66 e mesi 3 entro il 31.08.2015 e, pur non possedendo il minimo di contribuzione (anni 20) a tale data, rimanendo in servizio fino ad anni 70, come prevede l’art. 509 comma 3 del Decreto Legislativo 297 del 16.04.1994 (Testo Unico), non raggiungerebbero il minimo contributivo di anni 20.
Il decreto del Ministro non detta istruzioni per la presentazione delle istanze di dimissioni, anche perché si attendono le norme pensionistiche che saranno approvate nella Legge di stabilità, non appena sarà terminato l’iter parlamentare.


I servizi e le prestazioni ex INPDAP per i dipendenti pubblici

Dal sito della FLC-CGIL nazionale

L’INPDAP (ora ex essendo stato unificato con l’INPS), offre da sempre alcuni servizi ed agevolazioni per i dipendenti e per i pensionati del pubblico impiego.

Alcuni servizi sono legati al credito ed in particolare consistono in prestiti o mutui che possono essere richiesti in alcuni casi senza particolari motivazioni o per spese particolarmente consistenti (acquisto della prima casa,ecc.). La quota denominata “fondo credito” (pari all’0,35%) che compare nelle buste paga è destinata a finanziare tali iniziative.

Oltre alle attività creditizie l’INPDAP fornisce anche agevolazioni e borse di studio per la frequenza di corsi di formazione e aggiornamento dei dipendenti e iniziative finalizzate al diritto allo studio dei figli dei dipendenti e dei pensionati: convitti, borse di studio per l’Italia e per l’estero, soggiorni di studio ecc.

Inoltre essendo confluita nell’INPDAP l’ex ENAM sono anche confermati alcuni dei servizi che tale ente garantiva ai maestri e dirigenti delle scuole dell’infanzia e primaria: soggiorni di vacanza,contributi per particolari eventi, ecc.

Sul sito dell’INPS è disponibile una guida ai servizi dell’INPDAP aggiornata al 2011.

Per visualizzare tutte le iniziative e le opportunità è possibile collegarsi alla pagina dedicata del sito INPS: nel menù a sinistra alle voci Credito e Attività sociali sono elencati ed illustrati i vari servizi e agevolazioni, oltre alle modalità per la presentazione delle domande.

Contratto di lavoro: le nostre proposte per il rinnovo

Dal sito della FLC-CGIL nazionale

Anche nei settori della conoscenza, come in tutti gli altri settori dell’Amministrazione statale, si rende necessario riaffermare il valore generale, di pubblica utilità, del contratto collettivo di lavoro bloccato dal 2007 per la parte normativa e dal 2010 per la parte economica. È ormai chiaro che la ripresa economica non è ostacolata dal rinnovo dei contratti; semmai il mancato rinnovo dei contratti contribuisce a ostacolare la ripresa, in quanto aggrava la crisi dei consumi.

Il rinnovo dei contratti di lavoro non è più rinviabile e costituisce per noi una priorità. Con gli ultimi due numeri del 2014 de il giornale della effelleci è iniziata la presentazione delle piattaforme contrattuali nei comparti della conoscenza che contengono le proposte della FLC-CGIL per il rinnovo dei contratti. In particolare, nel numero 8 vengono illustrate le piattaforme per la scuola statale e per la dirigenza scolastica; nel numero 9 quelle per l’università e l’alta formazione artistica e musicale.

Con i prossimi numeri presenteremo le proposte contrattuali per i restanti comparti.

 
 

RIAPERTI I TERMINI PER RICORSO PRECARI

La FLC - CGIL riapre i termini per il ricorso rivolto alla stabilizzazione e all'indennizzo per la mancata immissione in ruolo dopo 3 incarichi annuali (30/06 - 31/08).

Per informazioni e chiarimenti rivolgersi alla FLC - CGIL:

- Agrigento, lunedì, mercoledì e venerdì, dalle ore 17:00 alle ore 19:00, via Matteo Cimarra n° 23;

- Raffadali, Menfi e Canicattì, martedì, dalle ore 17:00 alle ore 19:00, presso le sedi della Camera del Lavoro; 

- Ribera, mercoledì, dalle ore 17:00 alle ore 19:00, presso la sede della Camera del Lavoro;

- Sciacca, giovedì, dalle ore 17:00 alle ore 19:00, presso la sede della Camera del Lavoro.

Stabilizzazione precari: ora avanti

È durata oltre quattro anni la battaglia politica e sindacale della FLC CGIL che si è anche consumata nelle aule dei tribunali italiani con almeno 15 mila ricorsi a cui abbiamo dato sostegno legale. Un percorso che ci ha portati fino alla Corte di Giustizia Europea che ha riconosciuto le nostre ragioni e quelle dei precari.

Leggi tutto...

Sei qui: Home Generale